DUEMILALIBRI

Edoardo Zuccato

Edoardo Zuccato

Nato a Cassano Magnago nel 1963 e come afferma Franco Loi nella  prefazione de La vita in tram (Marcos y Marcos, 2001)  “scrive in una lingua di periferia e di confine: siamo tra Milano, la Brianza, il Varesotto. Perciò una lingua minoritaria, incolta, trascurata dalle grandi tradizioni: una lingua più vicina al silenzio...”.
Il poeta, che insegna letteratura inglese all’Università IULM di Milano, ha pubblicato: Tatuaggi (Il ragazzo innocuo, 2010), Te’l sentat chel rumur chi? (En plein, 1997), Tropicu da Vissevar, Tropico di Castelseprio (A. Guerini, 1993) ) e L’arte rupestre del Lago maggiore: le incisioni su roccia nell’area della cultura di Golasecca (Interlinea,1999 con Franco Buffoni); nella veste di curatore ha dato alle stampe: l’Antologia della poesia svedese contemporanea (Crocetti, 1996 con Helena Hanson), Sotto la pioggia e il gin: antologia della poesia inglese contemporanea (Marcos Y Marcos, 1997),  i Diari 1794-1819 di Samuel Taylor Coleridge (P.Lubrina, 1991)

Loghi istituzionali 2015