DUEMILALIBRI

MARCO ARCANI

AstroParticelle. In viaggio tra i raggi cosmici
(Simple, 2013)

Ogni giorno, il nostro corpo è attraversato da milioni di particelle subatomiche, frammenti di materia e di energia che ci trapassano in continuazione, apparentemente senza lasciare tracce. Generati nel corso di milioni di anni, le astroparticelle provengono dai luoghi più remoti dello spazio. Prendere coscienza del fatto che noi stessi siamo composti di particelle e proprio da quelle giunte qui sulla Terra da posti così lontani nello spazio e nel tempo è una questione affascinante che stupisce e ci fa comprendere che facciamo parte di un insieme più grande di cose che chiamiamo Universo. La fisica delle particelle è la scienza che si occupa dello studio del comportamento delle particelle elementari, mentre la fisica delle astroparticelle è un nuovo campo di ricerca che unisce il mondo subatomico con il mondo astronomico e si occupa della genealogia e delle proprietà così peculiari di questi frammenti di materia provenienti dallo spazio profondo chiamati anche raggi cosmici. Questo è un viaggio scientifico tra i raggi cosmici raccontato attraverso la storia, le invenzioni i rivelatori e gli osservatori; senza trascurare gli effetti che essi producono coinvolgendo numerose discipline scientifiche tra cui astrofisica, geofisica e paleontologia. La carenza di testi in italiano su questi argomenti e la recente celebrazione del centenario della scoperta dei raggi cosmici, ovvero l’inizio cento anni fa della fisica delle astroparticelle hanno condotto l’autore alla stesura di questo volume, con il proposito di rendere comprensibile la materia a un largo pubblico, affinché tutti abbiano la possibilità di conoscere questi fantastici fenomeni.

Marco Arcani è un tecnico elettronico e informatico. Da sempre studioso di astronomia e di fisica delle particelle elementari è cofondatore del Gruppo Astronomico Tradatese (GAT) e collaboratore con la fondazione dell’Osservatorio Astronomico di Tradate (FOAM13) in veste di responsabile della sezione “Astroparticelle”. Nel corso degli ultimi anni ha progettato e costruito una serie di rivelatori elettronici di particelle tramite i quali nel 2012 è stata celebrata la scoperta dei raggi cosmici ripetendo lo storico esperimento di Victor Hess che cento anni fa scoprì i raggi cosmici: un volo in mongolfiera fino a 6000 metri organizzato in collaborazione con il G.A.T. Ha pubblicato articoli di diversa natura su quotidiani locali e periodici nazionali, tra cui FotoCineVideo, Il mio Computer e Nuovo Orione. A livello internazionale ha pubblicato su Astroparticle Physics ed è stato citato in diverse istituzioni di fisica tra cui l’Austrian Physical Society (Austria) e Physicsworld (Institute of Physics - Regno Unito - di cui è membro). Nel 2010 fonda il portale astroparticelle.it finalizzato alla divulgazione della moderna “fisica delle astroparticelle” e con l’obiettivo di realizzare il progetto A.D.A. (Astroparticle Detector Array) ormai divenuto realtà: una rete di rivelatori didattici di raggi cosmici, indirizzata agli istituti scolastici per l’osservazione di eventi cosmici ad alta energia. Nel tempo libero si occupa di divulgazione scientifica e di didattica collaborando con diverse associazioni tramite incontri e conferenze, con lo scopo di rendere popolare questa materia così misteriosa.

Incontro riservato alle scuole
Loghi istituzionali 2015