DUEMILALIBRI

VENT'ANNI SENZA GRAZIA CHERCHI

Una protagonista dell'editoria italiana
(ali&no, 2015)

Presentazione del libro di Michela Monferrini Grazia Cherchi, con Valentina Fortichiari.

Che cosa rimane del lavoro di un editor quando il libro è pubblicato, i segni e le correzioni a margine cancellate, le discussioni con l’autore dimenticate? Cosa rimane, quando quell’editor non c’è più, a discutere con i suoi autori? In questo libro si prova a ricostruire i tratti di una donna che è stata per anni tra i protagonisti del mondo letterario e culturale, a partire da quel lavoro di editing che non era il solo né per molto tempo è stato il principale. Cherchi – giornalista, scrittrice, redattrice, critica – non è ricordata per grandi e lontani viaggi, ma per quei minimi spostamenti metropolitani, o tra città e provincia, tutti italiani, che l’hanno trovata sempre con un libro tra le mani, vera globetrotter della cultura. Attraverso le testimonianze di chi l’ha conosciuta e le è stato amico, attraverso i suoi articoli, i brani dai suoi libri, e grazie alle fotografie di Vincenzo Cottinelli, si tenta qui un ritratto a tessere di Grazia Cherchi: dalla fondazione dei «Quaderni Piacentini» alla rubrica di libri sull’«Unità», dalla scoperta di autori emergenti che oggi sono tra i maggiori scrittori italiani a lei come autrice e lettrice di sé stessa: sempre decisa, netta, quasi implacabile, e intanto sensibile, fragile, romantica.
Loghi istituzionali 2015