DUEMILALIBRI

Giorgio La Malfa

VENERDÌ 17 OTTOBRE

Ore 18.00 – Museo Maga


GIORGIO LA MALFA
Cuccia e il segreto di Mediobanca (Feltrinelli, 2014)
"Enrico Cuccia è stato certamente uno dei maggiori protagonisti della vita economica italiana della seconda metà del Novecento": inizia così il ritratto che ne fa Giorgio La Malfa, il quale ha avuto modo di lavorare con lui a Mediobanca e di conoscerlo da vicino. Quando si parla di Cuccia non si può però non parlare anche della sua creatura, Mediobanca appunto, un istituto di credito specializzato nei finanziamenti a medio termine nato nel 1946 dalle tre Banche di interesse nazionale (Banca Commerciale Italiana, Credito Italiano e Banco di Roma), di cui egli fu direttore generale sin dal principio e dove rimase fino agli anni novanta con la carica di presidente onorario. Ma per capire il pensiero e la personalità di Cuccia occorre risalire a prima, come fa La Malfa, agli anni di formazione, ai suoi soggiorni all'estero, a Parigi e Londra, alle esperienze fatte all'Iri e alla Comit. Del periodo di Mediobanca vengono poi qui presi in considerazione alcuni episodi e momenti salienti, quali sono stati lo scontro con l'Iri di Romano Prodi riguardo alla privatizzazione della banca, l'affaire Sindona con le minacce rivolte contro Cuccia e Giorgio Ambrosoli, il rapporto ambivalente con Raffaele Mattioli. Si evidenziano così le idee fondamentali e i principi su cui Cuccia ha via via costruito il lavoro di Mediobanca, come la distinzione tra banche di investimento e banche commerciali, l'importanza del credito industriale, la necessità dell'indipendenza dell'istituto...

Giorgio La Malfa è nato a Milano il 13 ottobre del 1939. Laureato in Giurisprudenza nel 1961 a Pavia, ha conseguito nel 1964 la laurea in Economia politica all’UniversitĂ  di Cambridge. Dal 1964 al 1966 ha perfezionato gli studi presso il Massachusetts Institute of Technology.  Ha insegnato Economia politica e Politica economica nelle UniversitĂ  di Napoli, Milano e Torino ed è stato professore ordinario di Politica economica all’UniversitĂ  di Catania. Deputato al Parlamento italiano per il Partito Repubblicano Italiano per undici Legislature. Deputato al Parlamento europeo dal 1989 al 1991 e dal 1994 al 1999. Nella sua attivitĂ  parlamentare è stato Presidente della Commissione Industria nel 1979;
Presidente della Commissione Affari Esteri dal 1983 al 1987;
 Presidente del Comitato per la Legislazione nel 1988;
Presidente della Commissione Finanze dal 2001 al 2005. Ministro del Bilancio e della Programmazione Economica nel secondo governo Cossiga, nel governo Forlani e nel primo e secondo governo Spadolini dal 1980 al 1982. Ministro per le Politiche Comunitarie e Coordinatore nazionale per la Strategia di Lisbona nel terzo Governo Berlusconi 2005 – 2006.

Loghi istituzionali 2015